3 hotels at Limoges

  • By price
  • By distance

La prima parola a cui associamo la città di Limoges è quella di "porcellana". Ma la regina del Limosino dispone di ben altre doti.

Oltre al museo della porcellana Adrien-Dubouché con oltre 12.000 pezzi provenienti da tutto il mondo, ci sono tantissimi motivi per recarsi in città. Innanzitutto la posizione che la vede capoluogo del dipartimento dell'Alta Vienne e della regione del Limosino, attraversata dal fiume Vienne. Disposti a terrazze sulla Vienne, si trovano i lussureggianti giardini dell'Évêché, l'Orangerie e l'orto botanico. Dai giardini ammirerai la cattedrale di Santo Stefano, dal 1862 monumento storico di Francia. I lavori di costruzione iniziarono nel 1273, interrompendosi più volte per mancanza di fondi, per la Guerra dei Cent'Anni e altri impedimenti. L'ultima pietra fu posta solo nel 1888. La cattedrale presenta così una torre campanaria romanica e un interno gotico, barocco e neogotico con marmi policromi. Visita la chiesa di Sant'Aureliano (1475), riscattata dall'abbandono dalla corporazione dei macellai della città e che custodisce ex-voto e statue di legno. E nel centro rimarrai sorpreso nel trovarti al Cour du Temple, bel complesso di case a graticcio e di porticati cinquecenteschi. Dopo una colazione al tuo Hotel Campanile di Limoges immergiti (ma senza fare il bagno) nelle meraviglie dell'Acquario del Limosino.